Formazione Marche

Fondi interprofessionali

Che cosa sono i Fondi Interprofessionali?

Sono organismi di natura associativa, promossi da associazioni imprenditoriali e organizzazioni sindacali, a cui le aziende possono liberamente iscriversi richiedendo all’INPS che venga loro trasferito il versamento obbligatorio dello 0,30% che ciascuna azienda versa dal 2004 per ogni dipendente.

L’iscrizione ad un Fondo interprofessionale consente alle aziende di richiedere contributi per finanziare la formazione dei propri dipendenti.

Come si aderisce?

  • Per aderire ai Fondi è necessario scegliere nella "Denuncia Aziendale" del flusso UNIEMENS aggregato (ex DM10/2), all'interno dell'elemento "Fondo Interprof", l'opzione "Adesione" inserendo il codice del Fondo e il numero dei dipendenti interessati all'obbligo contributivo.
  • L'azienda inizia ad accantonare i fondi dal mese di competenza della Denuncia Aziendale (ex DM10/2) nel quale è stato inserito il codice del Fondo scelto.
  • L'adesione è unica e non va rinnovata ogni anno.
  • L’adesione a un Fondo non comporta alcuna spesa aggiuntiva per l’impresa.

Per le imprese che non aderiscono ai Fondi resta fermo l´obbligo di versare all’INPS il contributo integrativo secondo le consuete modalità.

29/06/2011

FONDIMPRESA, IL PIÙ IMPORTANTE FRA I FONDI INTERPROFESSIONALI

Fondimpresa è il Fondo paritetico interprofessionale per la formazione continua costituito da Confindustria, CGIL, CISL e UIL, di natura privatistica, che consente a tutte le aziende l’accantonamento e l’utilizzazione del contributo versato all’INPS destinato alla formazione e all’aggiornamento dei propri dipendenti.

La necessità di un meccanismo di snellimento delle procedure e delle modalità di accesso alla formazione continua ha iniziato a manifestarsi già agli inizi degli anni novanta ed è giunto poco alla volta a maturazione fino
all’istituzione dei Fondi Interprofessionali. Attorno al 1993 si sperimentano forme innovative di collaborazione bilaterale fra le parti sociali che trovano un ascolto via via interessato da parte della maggioranza delle rappresentanze
politiche, ascolto concretizzatosi in Parlamento dapprima con il varo, nel 1997, della legge 196 e successivamente con le misure previste dalle leggi finanziarie del 2000 e del 2002, fino all’approvazione unanime, in finanziaria
2005, dell’emendamento che trasferisce ai Fondi la totalità dello 0,30% del contributo versato dalle imprese.

Pertanto, dal 2005, Fondimpresa mette a disposizione anche le risorse derivanti dal versamento dello 0,30% all’INPS da parte delle aziende che hanno aderito al Fondo.

Fondimpresa, ad oggi, risulta il più importante fra i Fondi Interprofessionali nazionali per la formazione continua, in grado di rappresentare l’industria italiana in maniera trasversale alle dimensioni e ai settori produttivi, avendo un peso pari al 47% del totale dei fondi e coinvolgendo quasi 50 mila aziende ed oltre 2.7 milioni lavoratori su un totale di circa 4,9 milioni.

29/06/2011